STAMPA & TRIBUTI

stampa & tributi del 24 novembre 2022

Print Friendly, PDF & Email

Fondo di solidarietà comunale 2022, nelle casse dei Comuni il secondo acconto per 1,4 miliardi. Trasparenza dei siti web, la conformità alle disposizioni di altri enti non giustifica la violazione privacy. Cancellazione cartelle senza tagliare i servizi. Il Fisco concede uno sconto per chiudere le liti pendenti.

#Imu #newsletter #dirittotributario #imu #tari #canoneunico #accertamento #riscossione #stampaetributi #tommasoventre

**

Fondo di solidarietà comunale 2022, nelle casse dei Comuni il secondo acconto per 1,4 miliardi

Arriva nelle casse dei Comuni il secondo acconto dell’importo dovuto del fondo di solidarietà comunale 2022. Con questa erogazione è stata complessivamente erogata la quota del 99% dell’importo spettante. A maggio scorso era arrivato il 66% (si veda Nt+ Enti locali & edilizia del 26 maggio). I mandati di pagamento, sono stati inviati all’Ufficio di controllo del Mef (Ucb presso il ministero dell’Interno), attraverso il Sistema Sicoge, per l’inoltro alla Banca d’Italia e il successivo accreditamento ai Comuni. Il pagamento ha riguardato 4.520 enti per un totale di euro 1.417.803.185,09.

Trasparenza dei siti web, la conformità alle disposizioni di altri enti non giustifica la violazione privacy

In ogni ipotesi in cui la Pa proceda alla pubblicazione di dati, informazioni e documenti che comporti un trattamento di dati personali devono essere opportunamente contemperate le esigenze di pubblicità e trasparenza con i diritti e con la dignità dell’interessato con particolare riferimento alla riservatezza, all’identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali. Con l’ordinanza n. 33257/2022, la Corte di cassazione ha chiarito che le finalità di consentire il controllo sull’agire dell’amministrazione mediante la trasparenza delle informazioni devono essere attuate mediante forme di pubblicità la cui conoscenza sia ragionevolmente ed effettivamente connessa all’esercizio del controllo pubblico. Va sempre garantito il rispetto dei limiti di proporzionalità e pertinenza.

Cancellazione cartelle senza tagliare i servizi

da Bergamo, Francesco Cerisano

Non vogliamo mandare in fallimento i comuni e vogliamo scongiurare che taglino i servizi”. La rassicurazione che il sottosegretario al Mef Sandra Savino ha portato alla platea dei sindaci Anci, riuniti in assemblea a Bergamo, va oltre il tema della cancellazione delle cartelle fino a mille euro affidate all’Agente della riscossione che rischia di creare un buco di bilancio di un miliardo nei conti locali. La pace fiscale sarà il primo banco di prova di questo dialogo costante che il governo intende portare avanti con le autonomie. Il presidente dell’Anci Antonio Decaro non è stato tenero con la misura inserita in Manovra.

Il Fisco concede uno sconto per chiudere le liti pendenti

Definizione delle liti pendenti o in alternativa conciliazione giudiziale anche in Cassazione con sanzioni ridotte a un diciottesimo. Per le controversie definibili, sono sospesi per nove mesi i termini di impugnazione, anche incidentale, delle pronunce giurisdizionali e di riassunzione, nonché per la proposizione del controricorso in Cassazione che scadono tra la data di entrata in vigore della prossima legge di Bilancio (che dovrebbe essere il 1° gennaio 2023) e il 31 luglio 2023. Estensione senza limiti di valore dell’attuale definizione in cassazione nel caso in cui l’Ufficio sia risultato soccombente in entrambi i gradi di merito. Sono queste alcune delle novità contenute nella prima bozza della legge di Bilancio 2023 in materia di definizione di liti pendenti.

Il video

https://www.youtube.com/watch?v=TyUDxcnkCVk

Il podcast

https://open.spotify.com/show/5dDNIBPglFDEFeYAlRVvYu