stampa & tributi
STAMPA & TRIBUTI

Stampa & Tributi del 10 maggio 2024

Print Friendly, PDF & Email

Contraddittorio preventivo, lo schema d’atto dell’amministrazione finanziaria deve spiegare perché non si è riusciti a chiudere in adesione. Cartelle, sui limiti al ricorso ordinanza inammissibile. In dichiarazione Imu l’esenzione per gli immobili occupati. L’addizionale aeroportuale è un tributo.

#newsletter #dirittotributario #imu #tari #canoneunico #accertamento #riscossione #stampaetributi

**

Contraddittorio preventivo, lo schema d’atto dell’amministrazione finanziaria deve spiegare perché non si è riusciti a chiudere in adesione

Schema d’atto fai-da-te per gli uffici dell’Agenzia. Nelle more dell’adeguamento informatico degli applicativi, per le nuove regole sul contraddittorio preventivo, entrate in vigore dal 30 aprile, ci sono sette punti che dovranno essere riportati negli inviti al contraddittorio notificati d’ora in avanti per gli atti non esclusi che rientrano nella nuova procedura. Le indicazioni arrivano in una nota operativa agli uffici. Si specifica che l’atto dovrà riportare il riferimento normativo dell’articolo 6 bis del nuovo statuto del contribuente ( dlgs 13/2024); l’invito alla formulazione di osservazioni con indicazione del termine assegnato per la presentazione delle osservazione e sopratutto l’invito alla presentazione dell’istanza per la definizione dell’accertamento con adesione in luogo delle osservazioni. Nell’atto si dovrà poi precisare l’applicazione della proroga dei termini di decadenza di 120 giorni solo nel caso in cui dovessero ricorrere presupposti indicati dalla legge. Altro passaggio a cui dovrà essere data rilevanza le argomentazioni sulle quali si base l’ipotesi della pretesa impositiva. L’atto non dovrà mancare di riportare i dati contabili e i riferimenti sanzionatori afferenti all’ipotesi della pretesa impositiva. L’atto dovrà riportare l’informazione al contribuente che, scaduto il termine assegnato per la presentazione delle osservazioni, l’Ufficio, tenendo conto delle eventuali osservazioni pervenute e nel rispetto dei termini di decadenza dell’azione accertativa, procederà ad emettere il provvedimento.

Cartelle, sui limiti al ricorso ordinanza inammissibile

L’ordinanza di remissione della questione di legittimità costituzionale della norma che stabilisce la non impugnabilità diretta della cartella di pagamento non notificata (articolo 12, comma 4-bis, del Dpr 602/1973) è inammissibile, nella parte in cui non chiarisce perché la notifica della cartella sarebbe viziata. In ogni caso, poiché il tema della soluzione delle inefficienze del sistema di riscossione non può che essere rimesso al legislatore, la Consulta ribadisce l’invito a mettere mano alla riforma fiscale. Con l’ordinanza n. 81, depositata ieri, la Corte costituzionale ritorna sulla questione già affrontata con la precedente sentenza n. 190/2023, confermando la scelta di sollecitare un intervento legislativo in termini.

In dichiarazione Imu l’esenzione per gli immobili occupati

La dichiarazione Imu incorpora l’esenzione per gli immobili oggetto di occupazione abusiva. È una delle novità contenute nei nuovi modelli approvati con decreto direttoriale del ministero dell’Economia e delle finanze del 24 aprile scorso. Si tratta di due schemi riguardanti la generalità dei contribuenti e gli enti non commerciali, come previsto dai commi 769 e 770 dell’articolo 1 della legge 160/2019 (la legge di bilancio per il 2020).

L’addizionale aeroportuale è un tributo

L’ addizionale comunale sui diritti di imbarco dei passeggeri sugli aeromobili ha natura tributaria. Lo ha stabilito la Corte costituzionale con la sentenza n. 80/2024 depositata ieri in cancelleria. La Consulta ha ritenuto fondata la questione di costituzionalità sollevata dalla Cassazione che con riferimento all’art. 3 Cost., ha dubitato della legittimità costituzionale dell’art. 39-bis del decreto legge n. 159 del 2007, nella parte in cui prevede che le disposizioni «in materia di addizionale comunale sui diritti di imbarco di cui all’articolo 2, comma 11, della legge 24 dicembre 2003, n. 350», «si interpretano nel senso che dalle stesse non sorgono obbligazioni di natura tributaria»

**

Il video

https://www.youtube.com/watch?v=yNMMJ0h1zvU

Il podcast

https://open.spotify.com/show/5dDNIBPglFDEFeYAlRVvYu