“Linee guida interpretative” per l’applicazione del comma 653 dell’art. 1 della Legge n. 147 del 2013 e relativo utilizzo in base alla Delibera ARERA 31 ottobre 2019, n. 443 e successive modificazioni. 29 dicembre 2020


Il comma 653 dell’art. 1 della legge 27 dicembre 2013, n. 147, prevede che “a partire dal 2018, nella
determinazione dei costi nella determinazione dei costi di cui al comma 654, il comune deve avvalersi anche delle
risultanze dei fabbisogni standard”.
Il costo del servizio rifiuti deve essere interamente finanziato dal relativo prelievo, la tassa sui rifiuti (TARI),
istituita con la stessa legge n. 147 del 2013, che può essere declinata anche in termini di tariffa corrispettiva ai
sensi dell’art. 1, comma 668 della legge medesima.
Successivamente, l’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente (ARERA), con Delibera 31 ottobre 2019
443/2019/R/rif, ha definito i criteri di calcolo e riconoscimento dei costi efficienti di esercizio e di investimento
per il periodo 2018-2021, adottando il Metodo Tariffario per il servizio integrato di gestione dei Rifiuti (MTR)1
.
Il nuovo Metodo prevede l’uso del fabbisogno standard di cui all’art. 1, comma 653, della legge n. 147 del 2013
come benchmark di riferimento per il costo unitario effettivo del servizio di gestione dei rifiuti urbani, in
particolare allo scopo dell’individuazione dei coefficienti di gradualità per l’applicazione di alcune componenti
tariffarie (Art. 16 dell’Allegato A).
Il presente documento, predisposto con la collaborazione di IFEL e di SOSE, ha la finalità di inquadrare il
contesto applicativo dei provvedimenti in esame e facilitarne l’attuazione da parte dei comuni per la
predisposizione dei piani finanziari relativi al 2021.
In proposito, va preliminarmente osservato che, in ragione della complessità del percorso di riformulazione e
approvazione dei piani finanziari e degli schemi tariffari, alla luce della delibera ARERA, e soprattutto per la crisi
epidemiologica da COVID-19 in atto, l’art. 106, comma 3-bis, del D. L. 19 maggio 2020, n. 34, convertito, con
modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77, ha differito al 31 gennaio 2021 il termine per l’approvazione
del bilancio di previsione degli enti locali.
I Comuni potranno dunque disporre di un ulteriore lasso di tempo per giungere a un più ordinato processo di
deliberazione delle tariffe, comprendente la fase di verifica e validazione delle informazioni fornite dai gestori.
Vale la pena di evidenziare che nel caso in cui gli enti locali abbiano già approvato le tariffe della TARI, i
assenza della pubblicazione delle presenti linee guida, possono intervenire successivamente e comunque nel
rispetto del termine di approvazione del bilancio di previsione, per tener conto delle risultanze dei fabbisogni
standard.
Si conferma, in generale, la prassi interpretativa delle precedenti linee guida, secondo cui i fabbisogni standard
del servizio rifiuti rappresentano un paradigma obbligatorio di confronto per permettere all’ente locale di
valutare l’andamento della gestione del servizio. Di conseguenza, il richiamo alle “risultanze dei fabbisogni
standard” operato dal comma 653 deve essere letto in coordinamento con il complesso procedimento di
determinazione dei costi e di successiva ripartizione del carico della TARI su ciascun contribuente. Per la

1
La Delibera in questione è stata modificata nella sua versione originale nel corso del 2020 ad opera delle delibere 238/2020/R/rif e
493/2020/R/rif. Le norme descritte nella 443/2019/R/rif,, oltre che nell’allegato MTR, sono state inoltre integrate grazie alle delibere
57/2020/R/rif, 102/2020/R/rif e alla determina 2/2020 – DRIF.
3
concreta attuazione del comma 653 resta necessario, quindi, che il comune prenda cognizione delle risultanze
dei fabbisogni standard del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti. Va osservato, in proposito, che l’avvio
del nuovo sistema di regolazione del servizio con l’emanazione della delibera ARERA n. 443/2019 modifica il
quadro della discrezionalità riservato al comune in quanto responsabile del servizio rifiuti, orientandolo in
primo luogo alla verifica del rispetto dei criteri innovati in materia di determinazione dei costi da parte dei
gestori nell’ambito del Piano finanziario. Le risultanze dei fabbisogni standard del servizio rifiuti assumono,
quindi, nel nuovo sistema di regolazione, un valore di riferimento obbligatorio ai fini del citato art. 16 della
delibera ARERA, per ciò che riguarda l’applicazione della gradualità dell’adozione di alcune componenti
tariffarie.
Fatte queste premesse, nel resto del documento si forniscono le indicazioni per il calcolo del fabbisogno
standard di ciascun comune (o gruppo di comuni) in linea con le nuove componenti del costo standard per
tonnellata approvate dalla Commissione Tecnica per i Fabbisogni Standard (CTFS) in data 18 novembre 2019
e con l’aggiornamento dei dati relativi ai fabbisogni standard elaborato nel corso del 2020 e approvato dalla
CTFS in data 30 settembre 2020.
2
Come è già in passato, il riferimento al nuovo impianto metodologico di determinazione dei fabbisogni
standard e all’aggiornamento dei dati prescinde dal suo utilizzo ai fini della determinazione della componente
perequativa del Fondo di solidarietà comunale (FSC), stante anche la neutralizzazione degli effetti perequativi
generati dai fabbisogni standard del servizio di smaltimento rifiuti rispetto alla capacità fiscale TARI.
Il fabbisogno standard finale di ogni comune è il risultato del prodotto di due grandezze3
:
 il costo standard di riferimento per la gestione di una tonnellata di rifiuti;
 le tonnellate di rifiuti urbani gestite dal servizio.
Per l’individuazione delle “risultanze dei fabbisogni standard” si fa riferimento al “costo standard” di gestione di
una tonnellata di rifiuti, calcolato sulla base di un modello statistico di regressione che mette in relazione i costi
osservati in un ampio campione rappresentativo di comuni con le rispettive variabili gestionali e di contesto
che influiscono sul costo stesso. Tali componenti di costo colgono gli aspetti statisticamente rilevanti per la
differenziazione del costo standard di riferimento – sulla base sia delle caratteristiche del servizio offerto sia di
quelle del comune – e sono riportate nelle colonne 1 e 3 della Tabella 3.1 disponibile nell’Allegato 1.4

2
Le note metodologiche “Revisione della metodologia dei fabbisogni standard dei comuni delle regioni a statuto ordinario per il servizio
smaltimento rifiuti in base all’art. 6 D. Lgs. 26 novembre 2010, n. 216” e “Aggiornamento e revisione della metodologia dei fabbisogni standard
dei comuni per il 2021 in base agli artt. 5, 6 e 7 del D. Lgs. 26 novembre 2010, n. 216”, entrambe redatte da SOSE S.p.A., sono consultabili
sul sito della Commissione Tecnica per i Fabbisogni Standard al seguente indirizzo:
http://www.mef.gov.it/ministero/commissioni/ctfs/index.html.
3 Per i dettagli sul modello di stima dei costi e dei fabbisogni standard del servizio rifiuti e sul calcolo delle singole variabili si rimanda,
rispettivamente, al Capitolo 3 e al Capitolo 2 della nota “Revisione della metodologia dei fabbisogni standard dei comuni delle regioni a
statuto ordinario per il servizio smaltimento rifiuti in base all’art. 6 D. Lgs. 26 novembre 2010, n. 216”.
4
La tabella 3.1 è pubblicata nel Capitolo 3 della nota “Revisione della metodologia dei fabbisogni standard dei comuni delle regioni a statuto
ordinario per il servizio smaltimento rifiuti in base all’art. 6 D. Lgs. 26 novembre 2010, n. 216”.
4
Di seguito si elencano le componenti del costo standard riportate nella Tabella 3.1 con una breve descrizione
del loro significato economico.
Il parametro di base è la stima del costo medio nazionale di riferimento per la gestione di una tonnellata di
rifiuti, stima che nel modello è rappresentata dal valore dell’”intercetta” della retta di regressione del costo per
tonnellata di rifiuti: tale valore è pari a 130,45 euro.
Per ottenere il costo standard di riferimento di ogni comune, a tale valore base occorre aggiungere i
differenziali di costo relativi alle seguenti componenti:
 la percentuale di raccolta differenziata, inserita con una specificazione non lineare volta a descrivere
la curva dei livelli di raccolta differenziata sperimentata nei comuni delle regioni a statuto ordinario
analizzati. In relazione alla posizione che ciascun comune ha raggiunto in questa curva, l’impatto della
componente sul costo standard del servizio è differente: da rilevanti incrementi di costo per bassi valori
della percentuale di raccolta differenziata si passa a costi unitari che crescono meno per le percentuali
più alte;
 la distanza in km fra il comune e gli impianti cui vengono conferite le differenti tipologie di rifiuti
urbani (1 km di distanza aumenta il costo standard di 0,18 euro per tonnellata);
 il numero e la tipologia degli impianti regionali, ad esempio, per ogni impianto di trattamento
meccanico biologico il costo standard aumenta di 4,17 euro per tonnellata;
 la percentuale di rifiuti urbani trattati e smaltiti negli impianti regionali, ad esempio, un punto
percentuale di rifiuti urbani smaltiti nelle discariche della regione di appartenenza riduce il costo
standard di 0,22 euro per tonnellata;
 la forma di gestione del servizio rifiuti, in particolare, la gestione associata del servizio mostra
mediamente un costo standard più alto di 5,82 euro per tonnellata rispetto alla gestione diretta;
 i fattori di contesto del comune relativi alle principali caratteristiche, costanti nel tempo o mutevoli
solo nel lungo periodo, del contesto demografico, morfologico ed economico comunale (età media
della popolazione, percentuale di residenti con titolo universitario, densità media della popolazione,
reddito medio complessivo imponibile IRPEF), attraverso le quali è possibile cogliere l’eterogeneità
comunale non direttamente legata alle modalità gestionali del servizio, ovvero le specificità del singolo
comune (ad esempio, 100 abitanti in più per km quadrato aumentano il costo standard per tonnellata
di 0,5219 euro);
 le economie/diseconomie di scala, colte attraverso l’inverso delle tonnellate di rifiuti urbani, che
assumono rilevanza sostanziale solo nel calcolo finale del costo standard dei piccolissimi comuni, con
una ridotta quantità di rifiuti urbani, in quanto evidenzia la stima di un costo fisso, indipendente dalla
quantità di rifiuti urbani gestiti, pari a 1.318,12 euro;
5
 le modalità di raccolta dei rifiuti urbani, distinte in domiciliare o “porta a porta”, mediante centri di
raccolta e su chiamata (la presenza di centri di raccolta, ad esempio, riduce il costo standard di 31,95
euro per tonnellata);
 il cluster o gruppo omogeneo di appartenenza del comune, che corrisponde al coefficiente riportato
nella Tabella 3.1 moltiplicato per la probabilità che il Comune ha di appartenere a ciascun gruppo. Per
i Comuni appartenenti unicamente al Cluster 4 (comuni con medio-alto livello di benessere e attrazione
economica localizzati nelle zone pianeggianti del nord-est), preso a riferimento della stima, l’apporto
è nullo, mentre per ciascuno degli altri gruppi omogenei si evidenzia l’apporto in euro per tonnellata5
.
Con riferimento alle “stime puntuali” riportate nella Tabella 3.1 e relative all’impatto delle singole variabili,
occorre sottolineare che alcune di esse non mostrano un impatto statisticamente significativo sul costo storico
unitario, e quindi non devono essere considerate nel calcolo del costo standard. Si tratta, in particolare, delle
seguenti variabili: variazione percentuale della raccolta differenziata rispetto all’annualità precedente; prezzo
comunale della benzina; numerosità degli impianti regionali di compostaggio. La variabile “percentuale di rifiuti
urbani trattati negli impianti regionali di incenerimento e coincenerimento” deve invece essere considerata nel
calcolo del costo standard anche se non presenta individualmente un impatto statisticamente significativo, in
quanto, considerata congiuntamente alle percentuali di rifiuti trattati e smaltiti nelle altre tipologie di impianto,
risulta significativa.
Da ultimo, le variabili “percentuale di rifiuti urbani trattati negli impianti regionali di trattamento meccanico
biologico” e “raccolta stradale” non compaiono nel modello, non perché superflue, ma perché già considerate
nella quantificazione del costo base (valore dell’”intercetta”) come categorie di confronto (benchmark).
Per maggiore chiarezza, nell’Allegato 2 si riporta un esempio di modalità di calcolo delle risultanze dei
fabbisogni standard6
. Al fine di poter utilizzare al meglio le informazioni contenute nella Tabella 3.1, quindi,
nell’Allegato 2 si evidenziano di seguito tre gruppi di componenti del costo standard:

  1. componenti fisse non modificabili dal comune, che rimangono pressoché costanti nel tempo, il cui
    impatto sul costo si ricava direttamente dall’Allegato 3. Rientrano in questa categoria oltre al costo
    medio nazionale di riferimento:
    • i cluster o gruppi omogenei di appartenenza del comune;
    • gli effetti dei fattori di contesto del comune;
    • le economie/diseconomie di scala;

5 Per maggiori informazioni sulla metodologia di formazione dei cluster (o gruppi omogenei) di comuni si veda l’Appendice B della citata
nota “Revisione della metodologia dei fabbisogni standard dei comuni delle regioni a statuto ordinario per il servizio smaltimento rifiuti in
base all’art. 6 D. Lgs. 26 novembre 2010, n. 216”
6 Un simulatore di calcolo del fabbisogno standard per ciascun Comune è messo a disposizione nel portale della Fondazione IFEL alla
sezione “Banche dati e numeri/ Servizio rifiuti (co.653 l.147/2013)”, al link: https://www.fondazioneifel.it/banche-dati/costi-rifiuti.
6

  1. componenti relative alla dotazione impiantistica regionale, modificabili in relazione all’aggiornamento
    all’ultima annualità disponibile nella banca dati online del catasto rifiuti dell’ISPRA (attualmente riferita
    all’anno 2019)
    7
    . Nell’Allegato 3 sono riportati i valori relativi all’annualità 2017, mentre nell’Allegato
    4 si riporta la nota di calcolo delle variabili relative alla dotazione impiantistica e le tabelle contenenti
    i dati 2019 degli impianti regionali di trattamento e smaltimento rifiuti con le relative percentuali di
    rifiuti urbani trattati e smaltiti. L’impatto di queste variabili sul costo standard si ottiene valorizzandole
    al valore del coefficiente riportato in Tabella 3.1;
  2. componenti specifiche del comune e da esso modificabili in relazione all’annualità di riferimento per il
    calcolo del costo standard. Rientrano in questo gruppo le grandezze che variano per effetto delle
    diverse scelte gestionali e di raccolta fatte dal comune stesso, ovvero:
    a. la percentuale di raccolta differenziata. L’impatto complessivo del valore di raccolta
    differenziata si ottiene come somma di due differenti effetti che rappresentano,
    rispettivamente, un valore costante e un valore di inclinazione, ambedue relativi alla porzione
    della curva dei livelli di raccolta differenziata in cui il comune si colloca8
    ;
    b. la distanza in km dagli impianti. La distanza fra il comune e gli impianti si ottiene calcolando
    la media delle distanze, in km, fra il comune e gli impianti di conferimento, ponderata per la
    quantità di rifiuti, in tonnellate, trasportata verso ciascun impianto. In considerazione della
    complessità del calcolo richiesto si riportano nell’Allegato 3 i valori calcolati con i dati
    disponibili all’annualità 2017. Tale informazione può essere presa in considerazione qualora il
    comune non disponga di un valore più aggiornato;
    c. la forma di gestione del servizio, per la quale l’unica differenziazione nell’impatto sui costi
    standard attiene la gestione in forma associata (ai sensi degli art. 30, 31 e 32 del TUEL);
    d. le modalità di raccolta dei rifiuti urbani, il cui impatto, per ciascuna tipologia di forma di
    raccolta attivata sul territorio comunale, è indicato dal relativo coefficiente di Tabella 3.1.
    Come ulteriore avvertenza è necessario puntualizzare che le componenti del costo standard riportate nella
    Tabella 3.1 sono stimate con riferimento all’annualità 2016 mentre i valori numerici inseriti nell’Allegato 3 si
    riferiscono all’annualità 2017.
    Per l’applicazione del comma 653 della legge n. 147 del 2013, i valori sopra descritti al punto 3 sono da
    calcolarsi in relazione alle caratteristiche del servizio attive per l’annualità 2021, periodo cui il PEF si riferisce.

7Si consulti il sito: https://www.catasto-rifiuti.isprambiente.it/index.php?pg=gestregione.
8
In Tabella 3.1 queste caratteristiche sono denominate: Raccolta differenziata – euro per tonnellata se percentuale dal A al B % (costante) e
Raccolta differenziata – euro per tonnellata per incrementi percentuali dal A al B % (inclinazione). Le percentuali A e B possono assumere i
seguenti valori riportati in Tabella 3.1: 0-40%, 40-65%, 65-100%. L’impatto della percentuale di raccolta differenziata sul costo standard si
calcola sommando alla componente costante, relativa alla posizione del comune sulla curva (fra A e B), il prodotto fra il coefficiente relativo
all’inclinazione e la differenza fra il valore di raccolta differenziata comunale e l’estremo inferiore (A) dell’intervallo.
7
Diversamente, per utilizzare il fabbisogno standard come benchmark di riferimento per il costo unitario effettivo
del servizio di gestione dei rifiuti urbani, per ottemperare a quanto richiesto all’art. 16 della delibera 443/2019
di ARERA, le variabili al precedente punto 3 vanno calcolate con riferimento all’annualità 2019 (ovvero due
annualità precedenti quella di riferimento del PEF).
Si precisa che nell’Allegato 3, oltre alle variabili già espressamente citate, vengono riportate tutte le variabili
utilizzate per la determinazione dei costi e dei fabbisogni standard approvati dalla CTFS il 30 settembre 2020;
inoltre, sempre nell’Allegato 3, l’anagrafica dei comuni comprende 6.627 comuni delle regioni a statuto
ordinario attivi alla data del 31 dicembre 2017.
Le risultanze dei fabbisogni standard sono a oggi disponibili solo per le regioni a statuto ordinario. Pertanto,
la norma recata dal comma 653 in questione non è applicabile nei confronti dei comuni delle regioni a statuto
speciale.

Share

Written by: