IMPOSTA PUBBLICITA’ – Commissioni Tributarie – Anno 2001 – Rapida rassegna giurisprudenziale

Sentenza del 19/10/2000 n. 240  – Comm.Trib. Prov. Milano – Sezione XXXVI
Intitolazione: Imposta   comunale    sulla    pubblicità   e  diritto  sulle  pubbliche affissioni  –  Accertamento  –   Imposta  sulla pubblicità  – Avviso  di accertamento  contenente  il  tipo    di   pubblicità,  la  località di esposizione,  le tariffe  ed i mq. di superficie tassabile  – Validità -Sussistenza   –  Elementi   per  l’instaurazione  del  contraddittorio  – Sussistenza
Massima: E’ valido l’avviso di accertamento di imposta sulla pubblicità dalla quale si rilevano, anche   se  in modo conciso, il tipo di pubblicità, la località di esposizione, le   tariffe   ed  i mq di superficie tassabile: anche se in modo stringato sono    indicati    tutti    gli    elementi per poter instaurare un contraddittorio.

 

Sentenza del 05/02/2001 n. 7 – Comm.Trib. Prov. Caltanissetta – Sezione III
Intitolazione: Imposta   comunale     pubblicità      e     affissioni    –  ambito  di applicazione  e  presupposti.-  Imposta     comunale     pubblicità    e affissioni  – Pubblicità  installata in   luoghi   pubblici   o   aperti al pubblico – Ammissibilità
Massima: I messaggi   pubblicitari   sono   tassabili ai sensi dell’Art. 5 D. Leg.vo 15 novembre 1993   n.  507 anche se non installati in luoghi pubblici o aperti al pubblico ma   lo  sono in luoghi in cui sono percepibili da questi ultimi (nel caso:insegne luminose   e   di   grandi  dimensioni poste in area recintata da ringhiera in   ferro e quindi visibili dall’esterno da un numero indeterminato di possibili  acquirenti;  vedi; cass. sez. 1 n. 9580 del 15  novembre  1994)

 

Sentenza del 07/03/2001 n. 64 – Comm.Trib. Prov. Milano
Intitolazione: Imposta   comunale    pubblicità    e   affissioni    –   Determinazione dell’imposta  e  del  diritto-tariffa   –   Art.   7   D.Lgs.507/1993   – Computo   della  superficie imponibile per la imposta sulla pubblicità – Minima figura piana geometrica
Massima: Ai sensi  dell’art.7,  D.Lgs.507/1993,  deve  assoggettarsi a prelievo solo il rettangolo in  cui  compare  la  scritta pubblicitaria e non tutto il pannello (detto anche  fascione)  in  cui  compare una scritta o un disegno. Non a caso la norma  parla  di “minima” figura piana geometrica in cui e’ circoscritto il mezzo pubblicitario,  in  sintonia  con  la ratio della disciplina che intende tassare la  comunicazione  al  pubblico e non anche il supporto strumentale di essa.

 

 
Sentenza del 11/06/2001 n. 19 – Comm.Trib. Reg. Lazio – Sezione IX
Intitolazione:Imposta  comunale sulla pubblicità – Diritto sulle pubbliche affissioni -Soggetti passivi – Solidarietà sussidiaria – Requisiti
Massima: L’obbligazione tributaria per la pubblicità e’ a carico in via principale del  soggetto che dispone del mezzo pubblicitario e solo, in caso di mancato pagamento da parte di costui, con conseguente sua sottoposizione ad  accertamento negativo, va ritenuto responsabile il fruitore del servizio pubblicitario, dandosi così  luogo ad un rapporto di solidarietà solo sussidiaria tra datore del servizio pubblicitario e fruitore dello stesso.
 

 

 
 
 
 

Share

Written by: