ACCERTAMENTO & RISCOSSIONE

Il concessionario può stare in giudizio solo per gli atti emessi direttamente

Print Friendly, PDF & Email

Orbene, la circostanza che il Comune abbia stipulato con la concessionaria un contratto di affidamento della gestione dell’attività di riscossione nonchè della preliminare attività accertativa, non attribuisce alla concessionaria la legittimazione ad agire anche al di fuori del rapporto concessorio; nell’ambito del quale essa può agire in giudizio solo per difendere atti dalla stessa emanati. Per contro, essa non ha alcuna legittimazione processuale rispetto ad atti emanati, sottoscritti e notificati al contribuente dall’ente locale. Ne consegue che la società  non era legittimata ad impugnare la sentenza di primo grado nè quella dei giudici  regionali con l’odierno ricorso, in quanto unico legittimato era il Comune, soccombente nel giudizio di appello (v. Cass. n. 22519/2007; in motiv. Cass. n. 22828/2018; n. 22304/2018)» (cfr. Cass. nr 20954/2019).

Inserisci un Commento