STAMPA & TRIBUTI

Stampa & Tributi del 17 Novembre 2022

Print Friendly, PDF & Email

Cartelle, stralcio a tre vie. Sugli extraprofitti tassa bis al 33%. Giudici tributari, primo bando. Giudici tributari, spazi stretti per i 100 passaggi dalle altre giurisdizioni. Autonomia, sulla bozza Calderoli rivolta del Mezzogiorno e gelo di FdI. Prima dell’autonomia i Lep.

#Imu #newsletter #dirittotributario #imu #tari #canoneunico #accertamento #riscossione #stampaetributi #tommasoventre

**

Cartelle, stralcio a tre vie. Sugli extraprofitti tassa bis al 33%.

di Marco Mobili e Giovanni Parente

Il Governo prepara un ampio capitolo della manovra che va sotto il nome della «tregua fiscale». Per le cartelle, infatti, si profila una tregua a tre vie a seconda dell’importo dei debiti iscritti a ruolo. Fino a mille euro l’Esecutivo studia una cancellazione totale delle “pendenze”. A differenza della pace fiscale del Governo giallo-verde datata 2018, l’ambito temporale sarà esteso ai carichi affidati all’agente della riscossione fino al 2015. Nelle intenzioni del viceministro Leo si tratterebbe di un intervento che non va nella direzione di «fare condoni o sconti», ma risponderebbe all’esigenza di cancellare delle partite per cui «gli oneri di riscossione sono più elevati» rispetto agli introiti per le casse dello Stato e degli enti locali. La seconda via della tregua fiscale riguarda, invece, le somme iscritte a ruolo superiori a mille euro e fino a 3mila euro. In questo caso, si pensa a una riproposizione rivista e corretta del saldo e stralcio: si pagherebbe a forfait un importo del 50%, comprensivo di imposte, sanzioni e interessi, con la possibilità di saldare il tutto a rate su un arco temporale di cinque anni. Oltre i 3mila euro scatterebbe la possibilità di un meccanismo molto simile alle ultime rottamazioni.

Giudici tributari, primo bando.

di Cristina Bartelli e Giulia Provino

Arriva il primo concorso per 100 magistrati tributari. Al via il bando per il passaggio di 70 magistrati nelle corti di giustizia tributarie di primo grado e di 30 per quelle di secondo grado. È quanto contenuto nella delibera n. 1559/2022 del Consiglio di presidenza della giustizia tributaria (Cpgt) di ieri relativa al bando di interpello n. 9/2022.

Giudici tributari, spazi stretti per i 100 passaggi dalle altre giurisdizioni.

di Ivan Cimmarusti

Mancano 70 giudici nelle nuove Corti di giustizia tributarie di primo grado e 30 in quelle di secondo grado. Le maggiori carenze in entrambi i gradi si registrano in Campania, con 25 posti vacanti, nel Lazio, con 15, mentre in Puglia e Calabria ne mancano, rispettivamente, 13 e 12. Con la relazione sulle sedi giudiziarie tributarie vacanti, approvata il 15 novembre scorso dal Cpgt e anticipata nei giorni scorsi dal Sole24Ore, si apre la seconda fase del riassetto della giustizia fiscale: l’interpello per cento giudici di altre giurisdizioni che nelle intenzioni di questa riforma andranno a integrare l’organico.

Autonomia, sulla bozza Calderoli rivolta del Mezzogiorno e gelo di FdI. Prima dell’autonomia i Lep.

di Gianni Trovati

Difficile che arrivi davvero a «spaccare» l’Italia, come dicono di temere i suoi detrattori. Ma senza dubbio l’autonomia differenziata che torna oggi al centro della scena in conferenza delle Regioni spacca la politica. E promette di creare qualche faglia anche nella maggioranza. A riaccendere le ostilità su un dossier che fin qui ha impegnato senza risultati i governi Gentiloni, Conte-1, Conte-2 e Draghi. «Da domani siamo in battaglia», ha anticipato il presidente della Campania Vincenzo De Luca annunciando la richiesta al governo di ritirare «un testo che genera solo caos e spacca in due il Paese». A dare manforte a questo «no» saranno Basilicata, Calabria, Lazio, Molise e Puglia. Il fronte è bipartisan.

Il video

https://www.youtube.com/watch?v=zjq2zWcTiIk

Il podcast

https://open.spotify.com/show/5dDNIBPglFDEFeYAlRVvYu